tuttounaltrogenere logo

FESTA UNA CANZONE SENZA FINE 7 GIUGNO 2021

FESTA UNA CANZONE SENZA FINE 7 GIUGNO 2021

La giuria composta da rappresentanti della nostra Associazione Tutto Un Altro Genere e dai rappresentanti di tutti i nostri partner (Scuole di Roma, Associazione Montessori Brescia, I Municipio di Roma) ha stabilito le valutazioni finali dell'edizione 2021 del concorso Una canzone senza fine.

Leggi tutto

PREMIAZIONE CONCORSO UNA CANZONE SENZA FINE 2021

PREMIAZIONE CONCORSO UNA CANZONE SENZA FINE 2021

Tutte le scuole iscritte al concorso sono invitate a partecipare su Zoom alla premiazione del 7 giugno dalle 18 alle 19.30.

Sarà una festa collettiva per premiare i lavori vincitori, per meravigliarci ancora una volta insieme delle incredibili trasformazioni che ci può regalare il nostro "Zeus il gatto magico" ma soprattutto per ringraziare tutti i circa 700 bambini e bambine guidati dalle loro maestre e dai loro maestri ed educatori di 27 classi provenienti da 7 città differenti e da 5 regioni italiane.

[MAGGIORI INFORMAZIONI SUL PROGETTO]

Una canzone senza fine - Sessione telematica

Una canzone senza fine

THE WINNER IS…
IO SONO ZEUS DIVENTO UNA MAESTRA
Concorso Una canzone senza fine – sessione telematica – giugno 2020
classe IV G Scuola Pistelli IC Claudio Abbado – Roma

Io sono Zeus
Divento una maestra
Coi miei bimbi creo un’orchestra
Suoniamo insieme sogni e fantasia
Così i pensieri brutti voleranno via.

Leggi tutto

Comunicato Stampa: “LA CITTÀ INVISIBILE”: Detenuti in viaggio contro la violenza

Comunicato Stampa: “LA CITTÀ INVISIBILE”: Detenuti in viaggio contro la violenza

Venerdì 8 aprile 2016 i detenuti della casa circondariale di Cassino saranno gli attori di uno spettacolo teatrale ispirato a Le città invisibili di Italo Calvino: è l’ultimo atto del progetto “Parole che aprono i tuoi occhi al mondo”  promosso dall’associazione “Tutto un altro genere” e sostenuto con i fondi dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese.

Leggi tutto

Una settimana dalla morte di Dona Shantini

Una settimana dalla morte di Dona Shantini

Sabato 5 giugno alle ore 11, ad una settimana dalla morte di Dona Shantini, uccisa con 10 coltellate, il quartiere Portuense, con noi di Tutto un Altro Genere, la Casa Internazionale delle Donne, Non Una Di Meno - Roma, @BeFree, ArtSharing Roma, organizza un flash mob contro la violenza sulle donne.

Grazie Michela Cesaretti Salvi per l'organizzazione.

Tags: #insiemecontroilfemminicidio #noallaviolenzasulledonne #stopallaviolenzasulledonne #flashmob #tuttounaltrogenere

CAMBIARE IN UN ABBRACCIO

CAMBIARE IN UN ABBRACCIO

Il passaggio di testimone è ufficiale. Manuela Perrone lascia la presidenza di Tutto un altro genere. Al suo posto l'assemblea dei soci ha eletto Valentina Cavalletti, che prende le redini dell'associazione dopo aver guidato negli ultimi anni alcuni progetti.

Valentina e Manuela hanno unito da qualche anno le loro energie positive all'interno dell'associazione fondata da Manuela nel 2013.

Sono amiche da vent'anni e credono che l'impegno civile sia un dovere: il piccolo contributo che possono offrire per lasciare alle bambine e ai bambini, gli adulti di domani, un mondo più equo e più giusto, pari nelle opportunità, rispettoso delle differenze.

Come sapete, già da qualche mese Manuela ha dovuto lasciare la presidenza dell'associazione a causa dei suoi nuovi incarichi lavorativi.

Valentina da oggi prende il timone. Nella forma cambia il nome della presidente, nella sostanza resta l'amicizia e la continuità dell'impegno: costruire racconti a zero stereotipi, fondare la resilienza sulla memoria, guardare a un futuro "femminile, plurale" in cui i talenti delle donne possano trovare spazio, e prosperare, a beneficio di tutti.

Tutto un altro genere di relazioni: ce n'è bisogno, in questa Italia da rifondare.

Memoria e resilienza per i bambini e le bambine di Amatrice e del mondo

Memoria e resilienza per i bambini e le bambine di Amatrice e del mondo

Il progetto nasce dalla convinzione che la musica possa essere catartica per superare qualsiasi trauma, anche quelli causati da calamità naturali, e che è necessario partire dall’educazione dei bambini e delle bambine per sviluppare una cultura della resilienza, una cultura consapevole delle difficoltà, aperta alle differenze, pronta ad affrontare le emergenze del presente.

Leggi tutto

Grazie per il sostegno a: