tuttounaltrogenere logo

  • 1
  • 2

LA MISSION DELL’ASSOCIAZIONE E LA SVOLTA EDUCATIVA

Era l’estate del 2013. Venivamo da un anno di lavoro al reading «Pugni nello stomaco – La violenza sulle donne raccontata dagli uomini». Un anno di confronto serrato tra donne e uomini, giornalisti, teatranti, scrittrici e scrittori, avvocati, studentesse e studenti. Un anno di discussioni, di riflessioni. Un anno di paradossi: di femminicidio si parlava sempre di più, ma i femminicidi non si fermavano, anzi.

Abbiamo cominciato a immaginare un gruppo di lavoro misto centrato su una sfida: combattere la violenza di genere parlando non soltanto alle donne, ma anche e soprattutto agli uomini. Raccontando un altro genere di storie o, se volete, storie di un altro genere. Recuperando le narrazioni dimenticate o mistificate, oltre gli stereotipi e i luoghi comuni, ma anche contribuendo a costruirne di nuove in tutti gli ambiti dove maturano le relazioni: nelle famiglie, nelle scuole, nelle piazze, nelle carceri.

È nata così l’associazione culturale “Tutto un altro genere”. E ha debuttato con una serata speciale, il 7 settembre: «Gaeta racconta… il tempo delle donne», un viaggio attraverso le varie età delle donne con la scrittrice Loredana Lipperini e la ricercatrice Federica Di Sarcina.

Da quel lontano 2013 tanta strada è stata fatta e molti progetti sono stati portati avanti, solcando con grande convinzione la strada dell’educazione delle future generazioni alle tematiche a noi care che ci hanno dato la vita.

Con Parole che aprono i tuoi occhi al mondo le narrazioni non violente sono entrate nel luogo dove la violenza è di casa, il carcere ed è stato riscritto un piccolo ma intenso percorso di rieducazione e riabilitazione attraverso la parola e attraverso il teatro.

Dopo il terremoto del centro – Italia del 2016, siamo ripartiti dalla musica con Zeus il gatto magico e dai bambini e dalle bambine che sono il nostro futuro, con il progetto Memoria e resilienza, per educare in sinergia con la scuola, alla resilienza, all’inclusione, alla parità di genere, all’empatia.

Durante e dopo la pandemia di Covid – 19, continuiamo a mettere al centro del nostro operato l’arte, la bellezza e l’educazione, per rifondare e ripensare un mondo più equo, più giusto, più solidale, più attento alle differenze, più attento alla scienza e alla salute pubblica, più attento all’ambiente: a zero stereotipi.

Inserisci l'indirizzo email del tuo account. Ti verrà inviato un codice di verifica. Una volta ricevuto il codice, potrai scegliere una nuova password per il tuo account.

Grazie per il sostegno a: